Una Rihanna a immagine e somiglianza di Basquiat!

Rihanna/Basquiat, scultura di Edgar Askelovic via artnet.com

Happy b-day Riri! Eh sì, anche Rihanna ha ufficialmente aderito al club delle trentenni e per il suo compleanno ha ricevuto un regalo molto speciale. L’artista lituano Edgar Askelovic ha realizzato una scultura che raffigura la cantante nuda, con in testa un casco da football americano firmato “Riri”, ispirata a Jean-Michel Basquiat.  L’artista è uno ‘scultore iperrealista’, e questo sicuramente traspare in questo lavoro in silicone, fibra di vetro e resina, che assomiglia in tutto e per tutto all’effettiva icona del pop, tatuaggi compresi. L’associazione tra Basquiat e Rihanna non è un’idea completamente nuova, in realtà. Rihanna aveva già manifestato il suo apprezzamento per Basquiat inserendo nella copertina dell’album ANTI del 2015, una corona d’oro, che, come sappiamo, era la firma d’autore dell’artista.

Della serie “a volte ritornano”. Marina Abramović messaggia con Ulay

Marina Abramovic e Ulay, via goldworld.it

Si sa, la questione ex è sempre un tasto dolente. Son ben poche le fortunate che posso dire di essersi mollate “bene”, in maniera pacifica. Se va bene la fase “amicizia” arriva dopo lunghi periodi di pianti e di stalking su Instagram. E chissà se anche Marina Abramovic ha dovuto attraversare questa fase prima di riallacciare i rapporti con il suo ex. In un’intervista del The Guardian, in occasione della sua ultima mostra alla Sean Kelly, la regina della performance rivela che lei e il suo vecchio partner Ulay hanno ripreso a sentirsi quotidianamente. I due, dopo essere  stati una coppia per trent’anni, si solo lasciati un anno fa durante un ritiro in India. Insomma “l’amore è eterno finchè dura” e se la Abramovic è riuscita a superare la rottura di un rapporto così intenso e duraturo, chapeau! Marina, attendiamo i tuoi consigli!

Sopracciglia: la tendenza del momento? L’unibrow alla Frida Kahlo!

Frida Kahlo, Photo by Popperfoto/Getty Images | Sophia Hadjipanteli modella con monociglio via Dagospia

Frida Kahlo docet (anche in fatto di beuty). L’artista messicana, capace di ispirare ancora oggi stilisti e designer di tutto il mondo,  è riuscita a rendere un dettaglio estetico spesso respingente una vera e propria tendenza. Mi riferisco all’unibrow, ovvero l’orribile monociglione, bello spesso e folto. Se anche voi, come me, da adolescenti venivate additate e derise per il monociglio, sappiate che è arrivato il momento della nostra rivincita. Su Instagram il suo sdoganamento è avvenuto grazie al movimento #UnibrowMovement e alla modella cipriota Sophia Hadjipanteli, la biondona con il monociglio nero che ha conquistato le passerelle di tutto il mondo. Prima di lei, però, già Cara Delevingne e Lily Collins erano grandi fan del baffone sulla fronte. Be’, io son dell’idea che se siete delle figone come loro magari potete  anche permettervi l’unibrow; mentre noi comuni mortali forse è meglio se continuiamo con la consuetudine delle cerette, pinzette e decoloranti. Anche se la rivincita possiamo dire di averla ugualmente ottenuta – grazie Frida!