7 ARTISTE CONTEMPORANEE DA CONOSCERE

Una delle grandi ricchezze del mondo e del mercato dell’arte è la nuova generazione di artiste contemporanee che stanno lasciando il segno.

Sono le più interessanti artiste contemporanee in circolazione. I loro atelier sono sparsi in tutto il mondo, dalla Corea alla Nigeria, a New York e Parigi, ovviamente. Ricordate bene questi nomi: vi ci imbatterete nelle più importanti fiere d’arte contemporanea del pianeta.  Le vedrete esporre nelle più prestigiose gallerie internazionali, che stanno dettando le leggi del mercato sponsorizzando i grandi talenti dell’arte. Ecco i nomi di 7 artiste che dovete assolutamente conoscere e seguire.

Camille Henrot, 1978, Parigi. Pittura, Scultura, Installazione.

Prendendo ispirazione da temi come la letteratura, la mitologia, il cinema, l’antropologia, la biologia, la religione e la vita quotidiana, Camille Henrot approfondisce e mette in discussione il sistema delle conoscenze e la percezione degli oggetti. Lavora con Galerie Kamel Mennour di Parigi, Metro Pictures di New York e Johann König di Berlino.

[vc_gallery el_id=”gallery-178543″ isotope_mode=”cellsByRow” medias=”61492,61491″ gutter_size=”3″ media_items=”media|lightbox|original,icon,caption” screen_lg=”1000″ screen_md=”600″ screen_sm=”480″ single_text=”under” single_overlay_opacity=”50″ single_padding=”2″ lbox_caption=”yes”]

Avery Singer, 1987, NewYork. Pittura.

Con le sue “nature morte digitali”, così le definisce l’artista, Avery Singer è l’artista portavoce dell’epoca digitale. Espone nel 2015 a Torino, alla Fondazione Sandretto, con una personale curata da Beatrix Ruf, #3 donna più influente dell’arte contemporanea secondo ArtReview.

[vc_gallery el_id=”gallery-178543″ isotope_mode=”cellsByRow” medias=”61497,61498″ style_preset=”metro” gutter_size=”3″ media_items=”media|lightbox|original,icon,caption” screen_lg=”1000″ screen_md=”600″ screen_sm=”480″ single_text=”under” single_overlay_opacity=”50″ single_padding=”2″ lbox_caption=”yes”]

Mary Weatherford, 1963, Ojai (Us). Pittura

Il paesaggio californiano tradotto in forma astratta. Scene che diventano veicoli per le esplorazioni di forma, spazio e colore. Che conducono lo spettatore verso esperienze ed emozioni trascendentali. Mary Weatheford lavora con David Kordansky Gallery di Los Angeles.

[vc_gallery el_id=”gallery-178543″ isotope_mode=”cellsByRow” medias=”61500,61501″ style_preset=”metro” gutter_size=”3″ media_items=”media|lightbox|original,icon,caption” screen_lg=”1000″ screen_md=”600″ screen_sm=”480″ single_text=”under” single_overlay_opacity=”50″ single_padding=”2″ lbox_caption=”yes”]

Nicole Eisenman, 1965, Verdun (Fr). Pittura.

I suoi dipinti ad olio figurativi affrontano i temi della sessualità, della commedia e della caricatura. Lavora con Anton Kern Gallery di New York.

[vc_gallery el_id=”gallery-178543″ isotope_mode=”cellsByRow” medias=”61503,61502″ style_preset=”metro” gutter_size=”3″ media_items=”media|lightbox|original,icon,caption” screen_lg=”1000″ screen_md=”600″ screen_sm=”480″ single_text=”under” single_overlay_opacity=”50″ single_padding=”2″ lbox_caption=”yes”]

Anicka Yi,1971, Seoul. Scultura, Installazione.

Artista concettuale sudcoreana, nelle sue complesse installazioni elemento fondamentale per l’interpretazione è il profumo. In un mondo di arti prevalentemente visive, Anicka Yi cambia le regole dell’osservazione dell’arte. Nel 2017 espone alle Whitney Biennial a New York.

[vc_gallery el_id=”gallery-178543″ isotope_mode=”cellsByRow” medias=”61505,61504″ style_preset=”metro” gutter_size=”3″ media_items=”media|lightbox|original,icon,caption” screen_lg=”1000″ screen_md=”600″ screen_sm=”480″ single_text=”under” single_overlay_opacity=”50″ single_padding=”2″ lbox_caption=”yes”]

Laura Owens, 1970, Euclid (Us). Pittura.

Esplosa dalla scena contemporanea di Los Angeles dei tardi anni ’90, Laura Owens è conosciuta per i suoi dipinti su larga scala, ricchi di riferimenti storici, combinazioni di tecniche varie. Alcune sue opere sono entrate nella collezione del Guggenheim.

[vc_gallery el_id=”gallery-178543″ isotope_mode=”cellsByRow” medias=”61507,61506″ style_preset=”metro” gutter_size=”3″ media_items=”media|lightbox|original,icon,caption” screen_lg=”1000″ screen_md=”600″ screen_sm=”480″ single_text=”under” single_overlay_opacity=”50″ single_padding=”2″ lbox_caption=”yes”]

Njideka Akunyili Crosby, 1983, Enugu (Ng). Pittura.

Artista di spicco della scena emergente africana, nigeriana, lavora a Los Angeles. Le sue opere su carta combinano le tecniche del collage, del disegno, della pittura, della stampa e della fotografia. I suoi lavori raccontano le contaminazioni tra cultura africana ed americana, vissute in prima persona dalla giovane artista. Lavora con la galleria Victoria Miro di Londra.

[vc_gallery el_id=”gallery-178543″ isotope_mode=”fitRows” medias=”61509,61508″ style_preset=”metro” gutter_size=”3″ media_items=”media|lightbox|original,icon,caption” screen_lg=”1000″ screen_md=”600″ screen_sm=”480″ single_text=”under” single_overlay_opacity=”50″ single_padding=”2″ lbox_caption=”yes”]

Header via  pinimg.com

- Artuu crede in -

spot_img

Ti potrebbe interessare...

7 ARTISTE CONTEMPORANEE DA CONOSCERE

Una delle grandi ricchezze del mondo e del mercato dell’arte è la nuova generazione di artiste contemporanee che stanno lasciando il segno.

Sono le più interessanti artiste contemporanee in circolazione. I loro atelier sono sparsi in tutto il mondo, dalla Corea alla Nigeria, a New York e Parigi, ovviamente. Ricordate bene questi nomi: vi ci imbatterete nelle più importanti fiere d’arte contemporanea del pianeta.  Le vedrete esporre nelle più prestigiose gallerie internazionali, che stanno dettando le leggi del mercato sponsorizzando i grandi talenti dell’arte. Ecco i nomi di 7 artiste che dovete assolutamente conoscere e seguire.

Camille Henrot, 1978, Parigi. Pittura, Scultura, Installazione.

Prendendo ispirazione da temi come la letteratura, la mitologia, il cinema, l’antropologia, la biologia, la religione e la vita quotidiana, Camille Henrot approfondisce e mette in discussione il sistema delle conoscenze e la percezione degli oggetti. Lavora con Galerie Kamel Mennour di Parigi, Metro Pictures di New York e Johann König di Berlino.

[vc_gallery el_id=”gallery-178543″ isotope_mode=”cellsByRow” medias=”61492,61491″ gutter_size=”3″ media_items=”media|lightbox|original,icon,caption” screen_lg=”1000″ screen_md=”600″ screen_sm=”480″ single_text=”under” single_overlay_opacity=”50″ single_padding=”2″ lbox_caption=”yes”]

Avery Singer, 1987, NewYork. Pittura.

Con le sue “nature morte digitali”, così le definisce l’artista, Avery Singer è l’artista portavoce dell’epoca digitale. Espone nel 2015 a Torino, alla Fondazione Sandretto, con una personale curata da Beatrix Ruf, #3 donna più influente dell’arte contemporanea secondo ArtReview.

[vc_gallery el_id=”gallery-178543″ isotope_mode=”cellsByRow” medias=”61497,61498″ style_preset=”metro” gutter_size=”3″ media_items=”media|lightbox|original,icon,caption” screen_lg=”1000″ screen_md=”600″ screen_sm=”480″ single_text=”under” single_overlay_opacity=”50″ single_padding=”2″ lbox_caption=”yes”]

Mary Weatherford, 1963, Ojai (Us). Pittura

Il paesaggio californiano tradotto in forma astratta. Scene che diventano veicoli per le esplorazioni di forma, spazio e colore. Che conducono lo spettatore verso esperienze ed emozioni trascendentali. Mary Weatheford lavora con David Kordansky Gallery di Los Angeles.

[vc_gallery el_id=”gallery-178543″ isotope_mode=”cellsByRow” medias=”61500,61501″ style_preset=”metro” gutter_size=”3″ media_items=”media|lightbox|original,icon,caption” screen_lg=”1000″ screen_md=”600″ screen_sm=”480″ single_text=”under” single_overlay_opacity=”50″ single_padding=”2″ lbox_caption=”yes”]

Nicole Eisenman, 1965, Verdun (Fr). Pittura.

I suoi dipinti ad olio figurativi affrontano i temi della sessualità, della commedia e della caricatura. Lavora con Anton Kern Gallery di New York.

[vc_gallery el_id=”gallery-178543″ isotope_mode=”cellsByRow” medias=”61503,61502″ style_preset=”metro” gutter_size=”3″ media_items=”media|lightbox|original,icon,caption” screen_lg=”1000″ screen_md=”600″ screen_sm=”480″ single_text=”under” single_overlay_opacity=”50″ single_padding=”2″ lbox_caption=”yes”]

Anicka Yi,1971, Seoul. Scultura, Installazione.

Artista concettuale sudcoreana, nelle sue complesse installazioni elemento fondamentale per l’interpretazione è il profumo. In un mondo di arti prevalentemente visive, Anicka Yi cambia le regole dell’osservazione dell’arte. Nel 2017 espone alle Whitney Biennial a New York.

[vc_gallery el_id=”gallery-178543″ isotope_mode=”cellsByRow” medias=”61505,61504″ style_preset=”metro” gutter_size=”3″ media_items=”media|lightbox|original,icon,caption” screen_lg=”1000″ screen_md=”600″ screen_sm=”480″ single_text=”under” single_overlay_opacity=”50″ single_padding=”2″ lbox_caption=”yes”]

Laura Owens, 1970, Euclid (Us). Pittura.

Esplosa dalla scena contemporanea di Los Angeles dei tardi anni ’90, Laura Owens è conosciuta per i suoi dipinti su larga scala, ricchi di riferimenti storici, combinazioni di tecniche varie. Alcune sue opere sono entrate nella collezione del Guggenheim.

[vc_gallery el_id=”gallery-178543″ isotope_mode=”cellsByRow” medias=”61507,61506″ style_preset=”metro” gutter_size=”3″ media_items=”media|lightbox|original,icon,caption” screen_lg=”1000″ screen_md=”600″ screen_sm=”480″ single_text=”under” single_overlay_opacity=”50″ single_padding=”2″ lbox_caption=”yes”]

Njideka Akunyili Crosby, 1983, Enugu (Ng). Pittura.

Artista di spicco della scena emergente africana, nigeriana, lavora a Los Angeles. Le sue opere su carta combinano le tecniche del collage, del disegno, della pittura, della stampa e della fotografia. I suoi lavori raccontano le contaminazioni tra cultura africana ed americana, vissute in prima persona dalla giovane artista. Lavora con la galleria Victoria Miro di Londra.

[vc_gallery el_id=”gallery-178543″ isotope_mode=”fitRows” medias=”61509,61508″ style_preset=”metro” gutter_size=”3″ media_items=”media|lightbox|original,icon,caption” screen_lg=”1000″ screen_md=”600″ screen_sm=”480″ single_text=”under” single_overlay_opacity=”50″ single_padding=”2″ lbox_caption=”yes”]

Header via  pinimg.com

- Artuu crede in -

spot_img

Ti potrebbe interessare...

7 ARTISTE CONTEMPORANEE DA CONOSCERE

Una delle grandi ricchezze del mondo e del mercato dell’arte è la nuova generazione di artiste contemporanee che stanno lasciando il segno.

Sono le più interessanti artiste contemporanee in circolazione. I loro atelier sono sparsi in tutto il mondo, dalla Corea alla Nigeria, a New York e Parigi, ovviamente. Ricordate bene questi nomi: vi ci imbatterete nelle più importanti fiere d’arte contemporanea del pianeta.  Le vedrete esporre nelle più prestigiose gallerie internazionali, che stanno dettando le leggi del mercato sponsorizzando i grandi talenti dell’arte. Ecco i nomi di 7 artiste che dovete assolutamente conoscere e seguire.

Camille Henrot, 1978, Parigi. Pittura, Scultura, Installazione.

Prendendo ispirazione da temi come la letteratura, la mitologia, il cinema, l’antropologia, la biologia, la religione e la vita quotidiana, Camille Henrot approfondisce e mette in discussione il sistema delle conoscenze e la percezione degli oggetti. Lavora con Galerie Kamel Mennour di Parigi, Metro Pictures di New York e Johann König di Berlino.

[vc_gallery el_id=”gallery-178543″ isotope_mode=”cellsByRow” medias=”61492,61491″ gutter_size=”3″ media_items=”media|lightbox|original,icon,caption” screen_lg=”1000″ screen_md=”600″ screen_sm=”480″ single_text=”under” single_overlay_opacity=”50″ single_padding=”2″ lbox_caption=”yes”]

Avery Singer, 1987, NewYork. Pittura.

Con le sue “nature morte digitali”, così le definisce l’artista, Avery Singer è l’artista portavoce dell’epoca digitale. Espone nel 2015 a Torino, alla Fondazione Sandretto, con una personale curata da Beatrix Ruf, #3 donna più influente dell’arte contemporanea secondo ArtReview.

[vc_gallery el_id=”gallery-178543″ isotope_mode=”cellsByRow” medias=”61497,61498″ style_preset=”metro” gutter_size=”3″ media_items=”media|lightbox|original,icon,caption” screen_lg=”1000″ screen_md=”600″ screen_sm=”480″ single_text=”under” single_overlay_opacity=”50″ single_padding=”2″ lbox_caption=”yes”]

Mary Weatherford, 1963, Ojai (Us). Pittura

Il paesaggio californiano tradotto in forma astratta. Scene che diventano veicoli per le esplorazioni di forma, spazio e colore. Che conducono lo spettatore verso esperienze ed emozioni trascendentali. Mary Weatheford lavora con David Kordansky Gallery di Los Angeles.

[vc_gallery el_id=”gallery-178543″ isotope_mode=”cellsByRow” medias=”61500,61501″ style_preset=”metro” gutter_size=”3″ media_items=”media|lightbox|original,icon,caption” screen_lg=”1000″ screen_md=”600″ screen_sm=”480″ single_text=”under” single_overlay_opacity=”50″ single_padding=”2″ lbox_caption=”yes”]

Nicole Eisenman, 1965, Verdun (Fr). Pittura.

I suoi dipinti ad olio figurativi affrontano i temi della sessualità, della commedia e della caricatura. Lavora con Anton Kern Gallery di New York.

[vc_gallery el_id=”gallery-178543″ isotope_mode=”cellsByRow” medias=”61503,61502″ style_preset=”metro” gutter_size=”3″ media_items=”media|lightbox|original,icon,caption” screen_lg=”1000″ screen_md=”600″ screen_sm=”480″ single_text=”under” single_overlay_opacity=”50″ single_padding=”2″ lbox_caption=”yes”]

Anicka Yi,1971, Seoul. Scultura, Installazione.

Artista concettuale sudcoreana, nelle sue complesse installazioni elemento fondamentale per l’interpretazione è il profumo. In un mondo di arti prevalentemente visive, Anicka Yi cambia le regole dell’osservazione dell’arte. Nel 2017 espone alle Whitney Biennial a New York.

[vc_gallery el_id=”gallery-178543″ isotope_mode=”cellsByRow” medias=”61505,61504″ style_preset=”metro” gutter_size=”3″ media_items=”media|lightbox|original,icon,caption” screen_lg=”1000″ screen_md=”600″ screen_sm=”480″ single_text=”under” single_overlay_opacity=”50″ single_padding=”2″ lbox_caption=”yes”]

Laura Owens, 1970, Euclid (Us). Pittura.

Esplosa dalla scena contemporanea di Los Angeles dei tardi anni ’90, Laura Owens è conosciuta per i suoi dipinti su larga scala, ricchi di riferimenti storici, combinazioni di tecniche varie. Alcune sue opere sono entrate nella collezione del Guggenheim.

[vc_gallery el_id=”gallery-178543″ isotope_mode=”cellsByRow” medias=”61507,61506″ style_preset=”metro” gutter_size=”3″ media_items=”media|lightbox|original,icon,caption” screen_lg=”1000″ screen_md=”600″ screen_sm=”480″ single_text=”under” single_overlay_opacity=”50″ single_padding=”2″ lbox_caption=”yes”]

Njideka Akunyili Crosby, 1983, Enugu (Ng). Pittura.

Artista di spicco della scena emergente africana, nigeriana, lavora a Los Angeles. Le sue opere su carta combinano le tecniche del collage, del disegno, della pittura, della stampa e della fotografia. I suoi lavori raccontano le contaminazioni tra cultura africana ed americana, vissute in prima persona dalla giovane artista. Lavora con la galleria Victoria Miro di Londra.

[vc_gallery el_id=”gallery-178543″ isotope_mode=”fitRows” medias=”61509,61508″ style_preset=”metro” gutter_size=”3″ media_items=”media|lightbox|original,icon,caption” screen_lg=”1000″ screen_md=”600″ screen_sm=”480″ single_text=”under” single_overlay_opacity=”50″ single_padding=”2″ lbox_caption=”yes”]

Header via  pinimg.com

- Artuu crede in -

spot_img

Ti potrebbe interessare...

- artuu ama -

spot_img

Iscriviti alla Artuu Newsletter

Sempre dallo stesso contributor

Seguici su Instagram ogni giorno