Diventa curatore di mostre virtuali con “Curations” di Art UK

La piattaforma online Art UK inaugura il progetto “Curations” che permette agli utenti di diventare curatori di mostre virtuali.

Art UK è un ente benefico che ha creato un archivio digitale delle opere presenti nelle collezioni d’arte del Regno Unito. A oggi, il database, costituito soprattutto da pitture a olio e sculture, registra circa 3300 sedi di collezioni e 250mila opere realizzate da 45mila artisti. Per far fronte all’emergenza Coronavirus Art UK, in collaborazione con l’Ampersand Foundation, inaugurerà da maggio 2020 il progetto “Curations” che permetterà agli utenti della piattaforma di diventare curatori di mostre digitali servendosi delle opere presenti in archivio.

 

Gli utenti in questione sono principalmente cittadini del Regno Unito che, attraverso il progetto, sono invitati a sviluppare un senso di appartenenza nei confronti della cultura nazionale. Non solo appassionati o aspiranti curatori, ma anche le gallerie e le collezioni partner di Art UK potranno aver parte al progetto. Infatti le gallerie potranno digitalizzare (con tanto di documentazione fotografica e testi critici) le mostre presenti nelle loro sede ma temporaneamente chiuse, oppure a crearne di nuove digitali. In questo modo, Art UK dà la possibilità di presentare tutti i progetti che, a causa del coronavirus, sono stati sospesi, rimandati o cancellati.

 

“Curations” rappresenta una soluzione davvero efficace per ovviare al problema del blocco causato dal Coronavirus, permettendo di trasferire gli eventi dall’offline all’online. Questa strategia è destinata a portare diversi benefici perché, da un lato, la piattaforma cresce dato che sempre più realtà tra gallerie, istituzioni e utenti sono incuriosite e invogliate ad aderire al progetto; dall’altro, da semplice archivio, Art UK diventa piattaforma di fruizione digitale dell’arte ma anche di partecipazione con creazione di contenuti promozionali e formativi. I progetti curatoriali che ogni utente può realizzare vengono sviluppati sotto forma di album, bacheche o linee temporali e possono essere condivisi tramite i social media. Inoltre, per promuovere maggiormente l’iniziativa, Art Uk ha invitato personaggi famosi e artisti a creare la propria mostra.

- Artuu crede in -

spot_img

Ti potrebbe interessare...

Diventa curatore di mostre virtuali con “Curations” di Art UK

La piattaforma online Art UK inaugura il progetto “Curations” che permette agli utenti di diventare curatori di mostre virtuali.

Art UK è un ente benefico che ha creato un archivio digitale delle opere presenti nelle collezioni d’arte del Regno Unito. A oggi, il database, costituito soprattutto da pitture a olio e sculture, registra circa 3300 sedi di collezioni e 250mila opere realizzate da 45mila artisti. Per far fronte all’emergenza Coronavirus Art UK, in collaborazione con l’Ampersand Foundation, inaugurerà da maggio 2020 il progetto “Curations” che permetterà agli utenti della piattaforma di diventare curatori di mostre digitali servendosi delle opere presenti in archivio.

 

Gli utenti in questione sono principalmente cittadini del Regno Unito che, attraverso il progetto, sono invitati a sviluppare un senso di appartenenza nei confronti della cultura nazionale. Non solo appassionati o aspiranti curatori, ma anche le gallerie e le collezioni partner di Art UK potranno aver parte al progetto. Infatti le gallerie potranno digitalizzare (con tanto di documentazione fotografica e testi critici) le mostre presenti nelle loro sede ma temporaneamente chiuse, oppure a crearne di nuove digitali. In questo modo, Art UK dà la possibilità di presentare tutti i progetti che, a causa del coronavirus, sono stati sospesi, rimandati o cancellati.

 

“Curations” rappresenta una soluzione davvero efficace per ovviare al problema del blocco causato dal Coronavirus, permettendo di trasferire gli eventi dall’offline all’online. Questa strategia è destinata a portare diversi benefici perché, da un lato, la piattaforma cresce dato che sempre più realtà tra gallerie, istituzioni e utenti sono incuriosite e invogliate ad aderire al progetto; dall’altro, da semplice archivio, Art UK diventa piattaforma di fruizione digitale dell’arte ma anche di partecipazione con creazione di contenuti promozionali e formativi. I progetti curatoriali che ogni utente può realizzare vengono sviluppati sotto forma di album, bacheche o linee temporali e possono essere condivisi tramite i social media. Inoltre, per promuovere maggiormente l’iniziativa, Art Uk ha invitato personaggi famosi e artisti a creare la propria mostra.

- Artuu crede in -

spot_img

Ti potrebbe interessare...

Diventa curatore di mostre virtuali con “Curations” di Art UK

La piattaforma online Art UK inaugura il progetto “Curations” che permette agli utenti di diventare curatori di mostre virtuali.

Art UK è un ente benefico che ha creato un archivio digitale delle opere presenti nelle collezioni d’arte del Regno Unito. A oggi, il database, costituito soprattutto da pitture a olio e sculture, registra circa 3300 sedi di collezioni e 250mila opere realizzate da 45mila artisti. Per far fronte all’emergenza Coronavirus Art UK, in collaborazione con l’Ampersand Foundation, inaugurerà da maggio 2020 il progetto “Curations” che permetterà agli utenti della piattaforma di diventare curatori di mostre digitali servendosi delle opere presenti in archivio.

 

Gli utenti in questione sono principalmente cittadini del Regno Unito che, attraverso il progetto, sono invitati a sviluppare un senso di appartenenza nei confronti della cultura nazionale. Non solo appassionati o aspiranti curatori, ma anche le gallerie e le collezioni partner di Art UK potranno aver parte al progetto. Infatti le gallerie potranno digitalizzare (con tanto di documentazione fotografica e testi critici) le mostre presenti nelle loro sede ma temporaneamente chiuse, oppure a crearne di nuove digitali. In questo modo, Art UK dà la possibilità di presentare tutti i progetti che, a causa del coronavirus, sono stati sospesi, rimandati o cancellati.

 

“Curations” rappresenta una soluzione davvero efficace per ovviare al problema del blocco causato dal Coronavirus, permettendo di trasferire gli eventi dall’offline all’online. Questa strategia è destinata a portare diversi benefici perché, da un lato, la piattaforma cresce dato che sempre più realtà tra gallerie, istituzioni e utenti sono incuriosite e invogliate ad aderire al progetto; dall’altro, da semplice archivio, Art UK diventa piattaforma di fruizione digitale dell’arte ma anche di partecipazione con creazione di contenuti promozionali e formativi. I progetti curatoriali che ogni utente può realizzare vengono sviluppati sotto forma di album, bacheche o linee temporali e possono essere condivisi tramite i social media. Inoltre, per promuovere maggiormente l’iniziativa, Art Uk ha invitato personaggi famosi e artisti a creare la propria mostra.

- Artuu crede in -

spot_img

Ti potrebbe interessare...

- artuu ama -

spot_img

Iscriviti alla Artuu Newsletter

Sempre dallo stesso contributor

Seguici su Instagram ogni giorno