“Pupille”, mostra d’arte pubblica per riscoprire le Dolomiti

“Pupille”: dal 25 luglio un’esperienza fiabesca che ha come obiettivo la riscoperta del paesaggio naturale locale.

È in corso, dal 25 luglio al 3 novembre 2021, la mostra Pupille: la seconda edizione della rassegna artistica Sentieri dell’Arte. Il sentiero di Pian de ra Spines, a Cortina d’Ampezzo, fa da sfondo alla mostra di arte pubblica curata Fulvio Chimento e Carlotta Minarelli, che vede come protagonisti gli artisti Benni Bosetto, Cuoghi Corsello, Dado e Maurizio Mercuri

Pupille è un’esperienza fiabesca, che ha come obiettivo la riscoperta del paesaggio naturale locale e della narrativa fiabesca legata alla storia delle Dolomiti. Lo spettatore è accompagnato in un viaggio onirico, attraverso le opere site specific – dei riferimenti al mondo dell’infanzia e della natura – che animano il percorso e che costituiscono punti di contatto tra interno ed esterno, proprio come delle pupille che rimarranno sul territorio in modo permanente.

Benni Bosetto, Senza titolo (Reincarnazione #1 #2 #3), 2021, ph. Rolando Paolo Guerzoni

Inoltre, i visitatori sono invitati a scrivere fiabe ispirate alle opere, per poi inviarle all’indirizzo mail dell’Associazione Controcorrente, che farà una selezione ai fini del loro inserimento nel catalogo della mostra. 

Il progetto è promosso da Associazione Controcorrente, Regole d’Ampezzo, Liceo Artistico di Cortina, in collaborazione con Quiqueg agenzia creativa (Milano) e con il patrocinio del Comune di Cortina d’Ampezzo

Cover Photo Credits: Cuoghi Corsello, Principino fuggitivo, 2021, ph. Rolando Paolo Guerzoni

- Artuu crede in -

spot_img

Ti potrebbe interessare...

“Pupille”, mostra d’arte pubblica per riscoprire le Dolomiti

“Pupille”: dal 25 luglio un’esperienza fiabesca che ha come obiettivo la riscoperta del paesaggio naturale locale.

È in corso, dal 25 luglio al 3 novembre 2021, la mostra Pupille: la seconda edizione della rassegna artistica Sentieri dell’Arte. Il sentiero di Pian de ra Spines, a Cortina d’Ampezzo, fa da sfondo alla mostra di arte pubblica curata Fulvio Chimento e Carlotta Minarelli, che vede come protagonisti gli artisti Benni Bosetto, Cuoghi Corsello, Dado e Maurizio Mercuri

Pupille è un’esperienza fiabesca, che ha come obiettivo la riscoperta del paesaggio naturale locale e della narrativa fiabesca legata alla storia delle Dolomiti. Lo spettatore è accompagnato in un viaggio onirico, attraverso le opere site specific – dei riferimenti al mondo dell’infanzia e della natura – che animano il percorso e che costituiscono punti di contatto tra interno ed esterno, proprio come delle pupille che rimarranno sul territorio in modo permanente.

Benni Bosetto, Senza titolo (Reincarnazione #1 #2 #3), 2021, ph. Rolando Paolo Guerzoni

Inoltre, i visitatori sono invitati a scrivere fiabe ispirate alle opere, per poi inviarle all’indirizzo mail dell’Associazione Controcorrente, che farà una selezione ai fini del loro inserimento nel catalogo della mostra. 

Il progetto è promosso da Associazione Controcorrente, Regole d’Ampezzo, Liceo Artistico di Cortina, in collaborazione con Quiqueg agenzia creativa (Milano) e con il patrocinio del Comune di Cortina d’Ampezzo

Cover Photo Credits: Cuoghi Corsello, Principino fuggitivo, 2021, ph. Rolando Paolo Guerzoni

- Artuu crede in -

spot_img

Ti potrebbe interessare...

“Pupille”, mostra d’arte pubblica per riscoprire le Dolomiti

“Pupille”: dal 25 luglio un’esperienza fiabesca che ha come obiettivo la riscoperta del paesaggio naturale locale.

È in corso, dal 25 luglio al 3 novembre 2021, la mostra Pupille: la seconda edizione della rassegna artistica Sentieri dell’Arte. Il sentiero di Pian de ra Spines, a Cortina d’Ampezzo, fa da sfondo alla mostra di arte pubblica curata Fulvio Chimento e Carlotta Minarelli, che vede come protagonisti gli artisti Benni Bosetto, Cuoghi Corsello, Dado e Maurizio Mercuri

Pupille è un’esperienza fiabesca, che ha come obiettivo la riscoperta del paesaggio naturale locale e della narrativa fiabesca legata alla storia delle Dolomiti. Lo spettatore è accompagnato in un viaggio onirico, attraverso le opere site specific – dei riferimenti al mondo dell’infanzia e della natura – che animano il percorso e che costituiscono punti di contatto tra interno ed esterno, proprio come delle pupille che rimarranno sul territorio in modo permanente.

Benni Bosetto, Senza titolo (Reincarnazione #1 #2 #3), 2021, ph. Rolando Paolo Guerzoni

Inoltre, i visitatori sono invitati a scrivere fiabe ispirate alle opere, per poi inviarle all’indirizzo mail dell’Associazione Controcorrente, che farà una selezione ai fini del loro inserimento nel catalogo della mostra. 

Il progetto è promosso da Associazione Controcorrente, Regole d’Ampezzo, Liceo Artistico di Cortina, in collaborazione con Quiqueg agenzia creativa (Milano) e con il patrocinio del Comune di Cortina d’Ampezzo

Cover Photo Credits: Cuoghi Corsello, Principino fuggitivo, 2021, ph. Rolando Paolo Guerzoni

- Artuu crede in -

spot_img

Ti potrebbe interessare...

- artuu ama -

spot_img

Iscriviti alla Artuu Newsletter

Sempre dallo stesso contributor

Seguici su Instagram ogni giorno