In Belgio la prima mostra curata dai bambini

Nella città di Gent, un museo dedicato all’arte contemporanea apre le sue sale a giovani curatori. 

Si tratta dello S.M.A.K. – Stedelijk Museum voor Actuele Kunst, museo dedicato all’arte contemporanea: il direttore artistico Philippe Van Cauteren e il team di curatori, hanno deciso di affidare un’intera collezione a giovani curatori

La mostra, aperta al pubblico fino al 17 aprile 2022, si intitola The Exhibition. The Little Catalogue of the S.M.A.K. Collection ed è stata curata da bambini di età compresa tra i 13 e i 16 anni, con l’obiettivo di distribuire le opere nello spazio, in totale libertà.

Questa curiosa “esperienza” però, è iniziata già nel 2020, quando il museo ha pubblicato il catalogo The Little Catalogue of the S.M.A.K Collection (titolo che poi è stato ripreso per la mostra) dedicato ai giovani visitatori. Questo libro è stato creato in collaborazione con 70 bambini che avevano il compito di scegliere le opere che, secondo loro, suscitavano più emozione e impatto.

Da quel momento di forte divertimento ed educazione, l’istituzione ha deciso di ampliare questo progetto, invadendo tutti gli spazi interni dell’istituto. E dunque, liberi da ogni condizionamento del sistema dell’arte, i giovani curatori hanno posizionato le opere, seguendo il loro istinto, associandole per colore o forma, come se fosse un gioco. 

Cover Photo Credits: Kleine Catalogus Kinderen Jan Opdekamp 16. Courtesy SMAK – Stedelijk Museum voor Actuele Kunst

- Artuu crede in -

spot_img

Ti potrebbe interessare...

In Belgio la prima mostra curata dai bambini

Nella città di Gent, un museo dedicato all’arte contemporanea apre le sue sale a giovani curatori. 

Si tratta dello S.M.A.K. – Stedelijk Museum voor Actuele Kunst, museo dedicato all’arte contemporanea: il direttore artistico Philippe Van Cauteren e il team di curatori, hanno deciso di affidare un’intera collezione a giovani curatori

La mostra, aperta al pubblico fino al 17 aprile 2022, si intitola The Exhibition. The Little Catalogue of the S.M.A.K. Collection ed è stata curata da bambini di età compresa tra i 13 e i 16 anni, con l’obiettivo di distribuire le opere nello spazio, in totale libertà.

Questa curiosa “esperienza” però, è iniziata già nel 2020, quando il museo ha pubblicato il catalogo The Little Catalogue of the S.M.A.K Collection (titolo che poi è stato ripreso per la mostra) dedicato ai giovani visitatori. Questo libro è stato creato in collaborazione con 70 bambini che avevano il compito di scegliere le opere che, secondo loro, suscitavano più emozione e impatto.

Da quel momento di forte divertimento ed educazione, l’istituzione ha deciso di ampliare questo progetto, invadendo tutti gli spazi interni dell’istituto. E dunque, liberi da ogni condizionamento del sistema dell’arte, i giovani curatori hanno posizionato le opere, seguendo il loro istinto, associandole per colore o forma, come se fosse un gioco. 

Cover Photo Credits: Kleine Catalogus Kinderen Jan Opdekamp 16. Courtesy SMAK – Stedelijk Museum voor Actuele Kunst

- Artuu crede in -

spot_img

Ti potrebbe interessare...

In Belgio la prima mostra curata dai bambini

Nella città di Gent, un museo dedicato all’arte contemporanea apre le sue sale a giovani curatori. 

Si tratta dello S.M.A.K. – Stedelijk Museum voor Actuele Kunst, museo dedicato all’arte contemporanea: il direttore artistico Philippe Van Cauteren e il team di curatori, hanno deciso di affidare un’intera collezione a giovani curatori

La mostra, aperta al pubblico fino al 17 aprile 2022, si intitola The Exhibition. The Little Catalogue of the S.M.A.K. Collection ed è stata curata da bambini di età compresa tra i 13 e i 16 anni, con l’obiettivo di distribuire le opere nello spazio, in totale libertà.

Questa curiosa “esperienza” però, è iniziata già nel 2020, quando il museo ha pubblicato il catalogo The Little Catalogue of the S.M.A.K Collection (titolo che poi è stato ripreso per la mostra) dedicato ai giovani visitatori. Questo libro è stato creato in collaborazione con 70 bambini che avevano il compito di scegliere le opere che, secondo loro, suscitavano più emozione e impatto.

Da quel momento di forte divertimento ed educazione, l’istituzione ha deciso di ampliare questo progetto, invadendo tutti gli spazi interni dell’istituto. E dunque, liberi da ogni condizionamento del sistema dell’arte, i giovani curatori hanno posizionato le opere, seguendo il loro istinto, associandole per colore o forma, come se fosse un gioco. 

Cover Photo Credits: Kleine Catalogus Kinderen Jan Opdekamp 16. Courtesy SMAK – Stedelijk Museum voor Actuele Kunst

- Artuu crede in -

spot_img

Ti potrebbe interessare...

- artuu ama -

spot_img

Iscriviti alla Artuu Newsletter

Sempre dallo stesso contributor

Seguici su Instagram ogni giorno