Ancora una volta il mondo dell’arte contemporanea si unisce allo streetwear. Scopriamo i 3 artisti che hanno firmato il progetto curato da Tyler, the creator per Converse.

Non ci stupiamo più davanti all’ibridazione tra arte e moda, questo ormai è chiaro! I due ambiti rimangono distanti solo sul piano strettamente teorico, ma non di certo se osserviamo le dinamiche del mercato. Dopo avervi parlato delle collaborazioni di Supreme e Dr. Marteans, non potevamo escludere da questo elenco l’universo Converse.

Non servono presentazioni a questo brand, capace di vestire generazioni intere con le iconiche All Star Converse, disegnate da Chuck Taylor quasi 100 anni fa. La carta vincente del modello risiede proprio nella capacità di trasformarsi, giocando con colori, materiali e forme, pur rimanendo sempre riconoscibile. Nel 2001 l’azienda Converse è costretta a fermare la produzione a causa del trasferimento produttivo in Asia, che ha dato vita ad un propagarsi di imitazioni senza controllo, ma soltanto 2 anni dopo il marchio viene acquisito da Nike e riconquista la scena mondiale.

Negli ultimi anni Converse, come Nike, si è aperta a diverse collaborazioni con designer e brand capaci di reinventare i conpcet aziendali e dare vita a forme del tutto innovative. Siamo nel 2018 quando Converse, in collaborazione con Foot Locker, decide di dare vita ad una linea capace di strizzare l’occhio al mondo artistico, diretta (non di meno) da Tyler, the creator. Rapper, produttore discografico e designer, Tyler è famoso per il suo ottimo fiuto per i talenti emergenti. Decisamente la persona giusta per un progetto che fin da subito si pone l’obbiettivo di mettere in luce nuovi artisti, dando loro la possibilità di emergere nel panorama disegnando la propria sneaker. 

Scopriamo allora gli artisti che hanno preso parte a questa collaborazione!

Wayatt Navarro (Chuck 70, 2018)

Illustratore californiano classe 1996, famoso per il suo lavoro per Golf Wang (brand di abbigliamento fondato nel 2011 da Tyler). Le sue illustrazioni sono spontanee e totalmente libere da qualsiasi approccio formale. “Non ci sono dei pensieri forti nei miei disegni, esprimo semplicemente quello che mi passa per la testa”, spiega l’artista parlando della sua poetica. E proprio questo fare operativo viene ripreso dal modello creato per Converse. La tela presenta una stampa giocosa e semitrasparente che richiama le grafiche dei volti che troviamo sul profilo Instagram di Wayatt. Un lavoro che ricorda chiaramente la cultura della Street Art di Las Angeles.

 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da wyatt navarro (@wyyacht)


Øyvind Lauvdahl (One star, 2018)

Decisamente meno cromatica la proposta dell’artista norvegese Øyvind Lauvdahl, scovato da Tyler proprio su Instagram. Infatti, il profilo di Lauvdahl si presenta come un sketchbook personalissimo. Per il modello converse l’artista segue il proprio stile presentando una stampa dai toni leggermente creepy, bianca e nera, che sembra fatta direttamente con la biro sulla tela.

Insieme, i due artisti hanno presentato inoltre un modello di Chuck 70 capace di unire i loro due punti di vista creativi attraverso piccole illustrazioni dal tratto sottile, divise e colorate.

 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da CONVERSE ORIGINAL | INCR (@incrstore)


Spencer McMullen (Chuck 70, 2020)

Infine, l’artista scelto per la collezione di quest’anno è il pittore americano Spencer McMullen. Questa collaborazione rappresenta un sodalizio tra l’amicizia tra l’artista e Tyler, the creator, dopo che 5 anni fa Spencer ha inseguito il cantante per le strade di Jacksonville per mostrargli i suoi disegni. Il modello di sneaker si presenta con una cromia dal gusto spiccatamente vintage. Disegnati sulla tela troviamo i volti dei personaggi creati da McMullen, caratteristici della sua poetica. I modelli di cui vi abbiamo parlato sono andati sold out in poche ore, ma per i veri appassionati è possibile trovarli da rivenditori privati e piattaforme di resell.

 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da @spencermcmullen