Il parco Nazionale del Pollino in Basilicata ospita vari interventi site specific di grandi artisti come Anish Kapoor, Carsten Holler e Giuseppe Penone. La meta ideale per la tua vacanza ad arte in Italia!

ArtePollino è un’associazione nata nel 2008 con l’intento di favorire la crescita culturale nel territorio del Parco nazionale del Pollino; si occupa di promuovere le manifestazioni artistiche, in particolare le espressioni di arte contemporanea in relazione con la natura del versante lucano del Parco. L’associazione si è occupata nel corso del tempo di incentivare percorsi formativi, laboratori creativi, attività di divulgazione e animazione territoriale, workshop con gli artisti. Questa programmazione ha portato ad una presa di coscienza di quanto sia possibile fare sviluppo in un’area naturalistica protetta attraverso il linguaggio creativo dell’arte.

SEI UN ARTISTA E NON HAI ANCORA UN SITO WEB? CONTATTACI!

web@artuu.it

 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Basilicata, SAN SEVERINO LUCANO (PZ) – “giostra” RB Ride dI Carsten Höller (per ArtePollino 2009) – Sarà forse la giostra più lenta del mondo, ma che piacere salirvi, e che bellezza tutt’intorno! Nella nostra epoca frenetica, in cui tutto deve svolgersi nei tempi più rapidi possibile, e dove anche le attrazioni dei parchi giochi fanno a gara nello sconvolgere gli stomaci di chi vi sale, quella realizzata dall’artista tedesco Carsten Höller sul belvedere (1125 m) di Timpa della Guardia. Il movimento è volutamente molto lento (un giro può durare 15 minuti) proprio per consentire allo spettatore di osservare la natura circostante da un punto di vista particolare.

Un post condiviso da un napoletano in Basilicata (@fotografando_basilicata) in data:


Il progetto ArtePollino Un altro Sud del 2009 ha lasciato sul territorio un patrimonio permanente di opere realizzate da artisti di fama mondiale come Anish Kapoor, Carsten Holler e Giuseppe Penone. Le esperienze di arte partecipata come quelle dell’artista Anni Rapinoja, Claudia Losi, Nils-Udo e Mario Brunello hanno lasciato un segno non soltanto mediante le installazioni, ma soprattutto attraverso lo scambio dato alla cultura del luogo. Gli artisti attraverso la loro percezione hanno saputo creare un dialogo personale con la natura del luogo allargando il più possibile il campo d’azione, facendolo coincidere con la realtà stessa, sia fisica che mentale. Il linguaggio artistico in relazione con l’ambiente e in una prospettiva concettuale, va infatti oltre la dimensione fisica. Il progetto muove dalla volontà di potenziare le bellezze paesaggistiche dell’area del Pollino attraverso un valore estetico aggiunto, quello dato dall’arte contemporanea.

SEI UN CURATORE O UN CRITICO E NON HAI ANCORA UN SITO WEB? CONTATTACI!

web@artuu.it

 


L’anglo-indiano Anish Kapoor realizza solitamente sculture che nascono come riflessione sull’idea del vuoto, il quale viene reso evidente da cavità che si riempiono o da materia che si svuota. Earth Cinema l’installazione realizzata a Latronico, consiste in un solco profondo lungo 45 metri dal colore bianco puro accessibile da ambo i lati. All’interno un’apertura ampia 7m sul sottosuolo consente ai visitatori di sentirsi parte del paesaggio. Kapoor, attraverso uno schermo da cui guardare il suolo, invita ad avere una visione interna e partecipata della natura.  Il tedesco Carsten Holler utilizza l’arte come strumento cognitivo per alterare l’esperienza emotiva e sensoriale. Attraverso le sue opere dall’aspetto giocoso è in grado di mutare i tradizionali meccanismi percettivi, insinuando smarrimento ma nel contempo una partecipazione attiva data dalla chiave ludica. L’RB-Ride a San Severino Lucano di Holler prevede, attraverso l’utilizzo di una giostra con 12 gondole, una passeggiata aerea con un’inclinazione rispetto al suolo che va da un’altezza massima di 10,5m ad una minima di 3,5m. La giostra per compiere un giro completo impiega 15 minuti. Un movimento lento e quasi esasperante permette di avere punti di osservazione differenti sulla natura, proponendo un’occasione di contemplazione. L’artista con questa lentezza contraddice la funzione primaria della giostra, infatti la rotazione viene rallentata per negare la forza centrifuga, la quale avrebbe scaturito euforia ed eccitazione. Un giro così allentato provoca una maggiore instabilità ed irrequietezza rispetto alle solite giostre, offrendo però la possibilità di osservare il paesaggio circostante secondo un’ottica insolita.

SEI UNA GALLERIA D’ARTE E NON HAI ANCORA UN SITO WEB? CONTATTACI!

web@artuu.it

 

Il Nature Theatre di Giuseppe Penone in località Noepoli è uno spazio in cui la natura diventa teatro di sé stessa senza alcun intervento invasivo. L’installazione è realizzata interamente attraverso l’utilizzo di elementi presenti in natura (cespugli, pietre, acqua) sistemati per organizzare e delimitare gli spazi. Con Penone, tra gli esponenti di spicco dell’Arte Povera, il processo di concepimento e formazione costituiscono parte integrante dell’opera. Quest’opera è stata concepita per valorizzare il luogo in cui si trova, il fiume Sarmento, oltre alla possibilità di ospitare spettacoli teatrali. L’artista con la sua ricerca analizza la reciprocità tra uomo e natura e i processi di trasformazione di quest’ultima. Il binomio tra arte, intesa come artificio, e natura ha sempre caratterizzato la storia dell’uomo, ma il rapporto tra uomo e natura in ambito artistico è divenuto sempre più preponderante a partire dalla fine degli anni ’60 con la Land Art. La definizione di Land Art si accompagna a diversi modi di esercitare un controllo sul paesaggio, attraverso la modificazione estetica dell’ambiente.

 

Mutando la configurazione naturale del paesaggio mediante diverse tecniche d’intervento, si mira a recuperare la sensibilità dei luoghi stravolgendo i meccanismi di percezione di massa. Questo si accompagna ad un’esigenza di produrre nuove forme immaginative dentro l’orizzonte dei fenomeni naturali, seguendo una necessità fondamentale per l’arte: inventare modi sempre nuovi di leggere i segni del paesaggio e dell’ambiente. Avendo le opere un carattere effimero data la loro matrice e agendo su un’ ampia scala, la Land Art rifiuta i meccanismi di commercializzazione dell’arte da museo; rendendo l’ambiente parte integrante delle opere viene rigenerato e rafforzato il rapporto uomo-natura. Si crea un legame più diretto tra l’arte e la vita coinvolgendo la realtà oggettuale quotidiana, con una riflessione sui limiti del linguaggio artistico. In questo spirito va letto il progetto di ArtePollino che ha portato artisti di fama internazionale ad interagire con i luoghi naturali della Lucania che hanno assunto un significato antropologico e sociale.