Safe Place, l’iglù di Miler Lagos, ci mostra come libri e cultura possano essere il rifugio più sicuro, specialmente in tempi difficili.

La differenza dalle tipiche strutture innuit è evidente: l’artista colombiano iglù, pur mantenendo le dimensioni e la caratteristica tipica degli igloo nord canadesi, ovvero di essere completamente autoportanti,  ha realizzato la sua opera sostituendo i tipici blocchi di neve con dei libri. Il messaggio è semplice e diretto, ma non per questo meno forte e apprezzabile: proprio come l’iglù delle terre artiche aveva la funzione di rifugio dai gelidi venti del nord e dalle freddissime notti da passare sui ghiacci, quello di Lagos mette in mostra il fondamentale potere di difesa esercitato dalla cultura. Un libro, anche nei tempi moderni, resta un rifugio sicuro dalle avversità della vita. L’opera non a caso prende il tipo di Safe Place, Luogo Sicuro.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Avant Arte (@avant.arte) in data:

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da ◻️The White Cube◻️ (@the.whitecube) in data: