Un vero e proprio progetto editoriale che ha lo scopo di raccontare storie di creatività sia individuali che collettive, sia inedite che esistenti.

Mentre stai trasferendo  file tramite WeTransfer, potresti imbatterti in uno sfondo che cattura il tuo sguardo e il primo pensiero che attraversa la tua mente è “Wow! Chi è l’artista?”. Potresti rimanere sorpreso, ma sai che se fai un semplice clic sullo sfondo verrai  indirizzato a We Present, laddove si raccolgono e condividono i lavori di tutte le menti creative!

via www.ft.com

Chi non ha mai usato WeTransfer per condividere file troppo pesanti per essere inviati per email? Se ne siete frequentatori vi sarete accorti che l’azienda leader nel trasferimento di file (40 milioni di utenti mensili) rivela una spiccata attenzione nei confronti dell’arte e della creatività. Basti pensare ai vari layout che si alternano come interfaccia: delle vere e proprie opere d’arte o di graphic design! Proprio per tutelare e, in qualche modo, archiviare tutto il materiale grafico della comunicazione visiva, WeTransfer ha creato, in un primo momento, This Works, un blog nato all’interno del sito e da gennaio 2018 ha lanciato una piattaforma editoriale che racconta progetti e storie di artisti e creativi. WePresent rappresenta, dunque, una sorta di evoluzione naturale, ma più strutturata, di This Works. La piattaforma abbandona l’originaria forma di archivio per diventare un vero e proprio progetto editoriale che ha lo scopo di raccontare storie di creatività sia individuali che collettive, sia inedite che esistenti.

via www.wired.it

In questo modo gli utenti non solo possono godere di grafiche artistiche e sempre diverse ma possono a loro volta trarre ispirazione per sviluppare i propri progetti creativi. Si tratta dunque di un’opportunità per sostenere e condividere  il lavoro di artisti e creativi con un bacino virtuale di utenti illimitato.

Come WeTransfer così anche WePresent ha come obiettivo la condivisione, di fotografie, immagini e progetti realizzati da artisti e designer internazionali, come Edoardo Tresoldi, Ryan McGinley e Bjork.