La street art è la più diffusa forma d’arte negli spazi pubblici del pianeta. Perché è importante che i ragazzi inizino a comprenderla?

Esiste ancora qualcuno che si stia domandando “ma perché questa è arte?”?. In tal caso, prima di andare al sodo, mi rifaccio all’unica risposta che questa domanda possa ricevere nel 2018 inoltrato, suggerita dall’artista ed educatore Nick Zokan, grande fonte d’ispirazione per questo articolo: “questa è una domanda noiosa, e ha già ricevuto risposta da tempo”.

La street art non solo è arte, ma È LA PIU’ DIFFUSA FORMA D’ARTE DEGLI SPAZI PUBBLICI DEL PIANETA. Questo dato di fatto dovrebbe far suonare un campanello d’allarme in genitori, zii, fratelli maggiori, tutori e naturalmente insegnanti di tutto il mondo. Se trascinare un adolescente in una galleria d’arte è tanto faticoso quanto poco costruttivo (almeno per i più), fargli prendere coscienza che i murales che lo circondano durante le sue scorribande urbane sono un’espressione artistica è senza dubbio un metodo più efficace per avvicinarlo all’arte.

“Qualcosa di veramente importante sta accadendo sui muri delle nostre città, e non è necessario un biglietto per vederlo” Nick Zokan

Certo, starete pensando. Ma la street art di New York e Berlino non è la stessa di Roma e Milano, ma soprattutto non è la stessa della tipica città di provincia italiana. Della serie, “la cittadina in Brianza dove abito non è esattamente un museo a cielo aperto”. Vero, la street art È L’IMMAGINE DELLA COMUNITÀ DOVE VIENE PRODOTTA. I ragazzi che si avvicinano alle street art delle zone che frequentano, sviluppano una maggiore comprensione della comunità che abitano e delle sue radici. E questo è molto importante.

I ragazzi avranno più facilità ad avvicinarsi prima all’arte di strada, che parla direttamente a loro e di loro,delle cose che li riguardano, che all’arte appesa in un museo. Di fronte ad un murales i ragazzi possono discutere. Davanti ad un’installazione in una galleria d’arte, probabilmente no. La street art È UN PONTE TRA IL MONDO REALE ED IL MONDO DELL’ARTE.

Gli street artist non sono un gruppo di sbandati che imbrattano i muri (considerazione noiosa e superata). Il successo personale e professionale di tanti di loro, da chi è diventato un vero e proprio brand, a chi la bandiera di una lotta sociale, dice ai ragazzi una cosa importante: LA POPOLARITÀ, IL POTERE E IL SUCCESSO POSSONO ESSERE ACQUISITI ATTRAVERSO LA CULTURA VISUALE. Questo aspetto è di indubbia rilevanza per l’era digitale in cui viviamo.

Per questo, insegnare la street art è importante.

Come avvicinare i ragazzi alla Street Art (nella pratica)?

Qui passiamo la parola all’artista ed educatore Nick Zokan, che ha detto la sua ad Art21. I punti seguenti, destinati principalmente agli insegnanti ma adattabili anche a genitori, fratelli maggiori, cugini, zii, tutori…dovrebbero essere messi in atto nell’ordine in cui sono presentati.

  • Insegna ai ragazzi un vocabolario che gli permetta di discutere di arte di strada.
  • Spiega ai ragazzi l’impatto che il graffitismo degli anni ’70 ha avuto sulla cultura di massa.
  • Illustra ai ragazzi l’evoluzione del graffitismo fino ai giorni nostri.
  • Chiedi ai ragazzi di raccogliere testimonianze fotografiche della street art dei quartieri dove vivono (gli smartphone aiutano).
  • Fai domande ai ragazzi a proposito della street art presente nei loro quartieri.
  • Spiega ai ragazzi i murales più significativi che si possono ammirare sui muri dei loro quartieri.
  • Spiega ai ragazzi i grandi street artist contemporanei internazionali.
  • Chiedi ai ragazzi di realizzare un documentario video (la qualità è del tutto irrilevante) sulla street art del proprio quartiere.

Secondo Zokan i risultati di questo percorso sono sorprendenti. I ragazzi non solo cambieranno la propria prospettiva sugli spazi urbani che abitano, ma grazie alla comprensione della street art che li circonda si avvicineranno all’arte, svilupperanno un pensiero critico, impareranno a comprendere l’importanza dell’arte e della cultura visuale della società contemporanea.

Un libro in italiano da cui partire? Street Art di Duccio Dogheria.

Immagini free copy