Il networking è l’ossigeno di qualunque professione, anche nel settore artistico. Ma se linkedin non ci può aiutare a promuovere le nostre opere d’arte qual è la strada da percorrere? Ecco qui 5 consigli

Avviare una carriera di successo nel settore dell’arte è certamente una sfida. emergere e farsi notare tra una miriade di artisti talentuosi, riuscire ad incontrare le persone giuste al momento giusto, presentare se stessi e il proprio lavoro nella maniera più efficace può risultare un’attività stremante. Avere i contatti giusti e la risposta pronta possono essere dunque fattori determinanti nella carriera di un artista, per questo abbiamo raccolto 5 consigli per aiutare artisti in erba a fare network e ampliare le proprie possibilità professionali.

1.Vai ai Party

Il mondo dell’arte si sa, è molto glamour, quasi alla stregua di quello della moda. Ogni occasione è buona per divertirsi e fare un brindisi. Tranquilli non vi stiamo suggerendo di aggirarvi nei locali notturni di Londra in cerca di galleristi alticci, quanto più di frequentare vernissage, eventi, occasioni in cui si può andare oltre l’aspetto professionale. La relazione tra gallerista e artista infatti si basa su competenze lavorative, ma anche su stima e fiducia reciproca. Trovare occasioni per conoscersi meglio, andando oltre l’esposizione del proprio curriculum o portfolio è dunque fondamentale. Se non sapete da dove iniziare vi suggeriamo di farvi un giro alle settimane dell’arte di Milano e Torino, oppure alla Biennale di Venezia, dove le occasioni per brindare e farsi nuovi “amici” non mancano!

2.Sii estroverso

Non ha senso partecipare agli eventi di networking se si resta vicini ai propri amici e si evita di creare nuove connessioni. Datti una regola per passare almeno un’ora a parlare con persone che non hai mai incontrato prima. Presentati a chiunque si trovi nelle vicinanze e chiedi informazioni sul loro lavoro, il loro background e le loro ambizioni. Sorridi, cerca il contatto visivo, sii simpatico ed estroverso.

3.Preparati un elevator pitch

L’ Elevator pitch è un termine rubato al campo delle startup e significa riuscire a presentare il proprio lavoro o idea in meno di un minuto, il tempo che impieghi a salire al 5° piano in ascensore. L’idea di base è: se ti trovi al momento giusto con la persona giusta devi riuscire a farlo innamorare del tuo lavoro nel minor tempo possibile. Per far questo lo startupper si prepara un discorso breve, funzionale e se lo impara quasi a memoria. Consigliamo a voi artisti di fare lo stesso: preparatevi frasi ad effeto che descrivano in maniera concisa perchè la tua arte diversa, perchè può interessare al pubblico d’arte o perchè è socialmente utile.

4.Usa i social network per promuovere il tuo lavoro

Tutti i professionisti lo fanno, quindi perché non dovresti farlo anche tu? Facebook, Instagram e Twitter sono strumenti fantastici per gli artisti in erba che cercano di essere trovati online, creare contatti, o semplicemente presentarsi sotto le sembianze professionali a cui aspirano. Combinare il networking online con incontri faccia a faccia aumenterà notevolmente la tua portata.

5.Metti il tuo lavoro nel tuo biglietto da visita

Non ti stiamo consigliando di allegare il tuo portfolio al biglietto da visita, ma di studiare il modo per renderlo personale e coerente con quello che fai. Il biglietto da visita deve essere una sorta di elevator pitch su carta, deve definire al primo sguardo chi sei e cosa fai. Una cosa molto importante: assicurati di consegnarlo solo dopo una conversazione rilevante, che ha palesato il reciproco interesse a collaborare insieme.