Out Door Festival di Roma: abbiamo incontrato Kid Acne, artista, illustratore, stampatore ed emcee. Ecco cosa ci ha raccontato.

Kid Acne è un artista, illustratore, stampatore ed emcee con sede nel Regno Unito. Nato a Lilongwe (Malawi) nel 1978 e vive e lavora Sheffield, Inghilterra. I suoi anni formativi sono stati dedicati alla realizzazione di graffiti, all’ auto pubblicazione di fanzines e alla realizzazione delle copertine dei dischi hip hop.

La combinazione di questi interessi ha contribuito allo sviluppo della sua estetica personale, documentata per la prima volta nel seminario Scrawl tome (Booth-Clibborn Editions, 1999). Protagonista del panorama internazionale della Street Art, Kid Acne ha dipinto murales su larga scala attraverso in tutto il mondo e le sue opere sono state esposte frequentemente negli ultimi due decenni. Ad esempio, nel 2011, Museums Sheffield ha ospitato la prima retrospettiva completa del suo lavoro, attirando oltre 50.000 visitatori.  In uno stile illustrativo distinto, la sua arte esplora una varietà di temi, dalle espressioni colloquiali alla tipografia, alla mitologia e all’architettura. Il lavoro più notevole, tuttavia, è rappresentato dalle sue raffigurazioni di una tribù di enigmatiche donne guerriere conosciute come Stabby Women.

Kid Acne, Outdoor 2018 | Credits Alberto Blasetti

Il lavoro di Kid Acne può essere visto in tutto il mondo: da Melbourne a Los Angeles, dal South Yorkshire e attualmente a Roma in occasione dell’Outdoor Festival! Noi l’abbiamo conosciuto proprio in questa occasione: scoprite cosa ci ha raccontato!

– Come hai creato il tuo stile e quali sono le caratteristiche che lo rendono unico?
Ho scoperto i graffiti quando avevo 12 anni. Inizialmente, ho cercato di emulare ciò che vedevo nei libri e nelle riviste, ma dopo un paio d’anni ho avuto la fortuna di incontrare alcuni artisti internazionali più anziani alle jam di Blueprint Gallery a Birmingham. Da lì ho capito l’importanza di avere un mio stile personale. All’età di 16/17 anni, avevo iniziato a incorporare i miei interessi nelle DIY fanzines, skateboard graphics e nella stampa serigrafica dei miei graffiti / arte di strada. Nel 1996 ho esposto la mia prima tela in una mostra collettiva dal titolo Graffiti Bastards presso la Custard Factory (sempre a Birmingham). Le basi della mia attuale estetica sono in questo pezzo. Da allora ho perfezionato il processo, che si è evoluto nel lavoro che vedete oggi.

– Parlaci della tua esperienza ad Outdoor: in quale sezione hai partecipato e quali lavori hai esposto?
Per il Festival Outdoor quest’anno mi è stata data una sezione molto bella. Il tema era “il patrimonio”, quindi ho cercato di incorporare la mia eredità di artista di strada insieme a un’idea più generale del patrimonio e come, nonostante i nostri diversi viaggi nella vita, siamo arrivati ​​a questo stesso punto nel tempo, cioè il Festival all’aperto al Mattatoio di Roma. La mia pittura dice “QUI SIAMO”, con “HEREDITAS” sottilmente mimetizzato. Ci sono due dei miei grandi personaggi di Stabby Women su entrambi i lati, ispirati ad una gladiatrice dell’impero romano.

– Che consiglio daresti ai giovani che vogliono diventare artisti di strada?
Non penso che sia qualcosa che puoi davvero insegnare. È come dire “come si diventa una band punk?” – Se sei un appassionato, formi una band e fai qualche concerto. Forse diventi bravo, costruisci un seguito, crei dei dischi e vai in tour. Forse ti arrendi subito e trovi qualcos’altro che ti piace fare. Stessa cosa con qualsiasi istanza creativa, inclusa la Street Art. Se ti piace, fallo e imparerai dai tuoi stessi errori.

– Quali sono i tuoi piani e progetti futuri dopo Outdoor?
Sto già lavorando ai prossimi progetti. Appena sono tornato da Roma ho dipinto un grande murale nella mia città natale, Sheffield, e questa settimana sto mixando un progetto musicale collaborativo con cui sto lavorando con un produttore chiamato Spectacular Diagnostics. È fuori forma da Chicago questa settimana e siamo in studio ogni giorno per mettere insieme più di 20 brani musicali. Dopo di che, sto mettendo insieme una versione stampata con 1xRun a Detroit e mi sto preparando a dipingere altri murales durante l’estate.

– Come descriveresti Outdoor con un aggettivo?
Coinvolgente.

Kid Acne, Outdoor 2018 / Credits Alberto Blasetti