Milano è il regno italiano delle grandi e storiche gallerie d’arte contemporanea. Ma non sono sole in città. Ecco 5 giovani  gallerie che si stanno affermando…

Massimo de Carlo, Lia Rumma, Raffaella Cortese, Carla Sozzani, Cardi… Milano è senza alcun dubbio la città italiana delle grandi gallerie internazionali. Ma in un contesto dominato dai grandi brand, c’è spazio per la nascita di nuove realtà? Milano si distingue anche su questo fronte, e la città ci mostra un ecosistema vibrante di giovani gallerie in crescita. Noi ve ne segnaliamo 5: sono le gallerie d’arte contemporanea a Milano che dovresti assolutamente frequentare.

5 Gallerie d’arte contemporanea a Milano

Viasaterna – Via G. Leopardi, 32

Viasaterna via viasaterna.com

Il nome rende omaggio alla strada immaginaria descritta da Dino Buzzati in “Poema a Fumetti”. La location è uno spazio di 450 mq oggetto di un riuscitissimo restauro dell’architetto Flavio Albanese. A pochi anni dalla sua nascita Viasaterna, la galleria e progetto di Irene Crocco, sta lasciando il segno nella scena delle giovani gallerie milanesi. Galleria con una particolare attenzione all’universo fotografia (rappresenta, tra gli altri, Guido Guidi), Viasaterna è diventata, attraverso l’arte, un luogo d’incontro tra persone ed idee, di dibattito e confronto sull’arte.

NContemporary –Via Lulli 5 Milano

Galleria giovanissima, NContemporary gestisce il suo programma in una serie di project spaces a Londra, dove è nata nel 2014, oltre che nella sua nuova sede milanese. Concentrata sul dare supporto ad artisti emergenti internazionali, NContemporary vanta un approccio davvero innovativo al lavoro di galleria, basato sulla collaborazione tra galleristi, curatori, collezionisti ed enti pubblici. Ecco la nostra intervista al suo fondatore Emanuele Norsa.

Brand New Gallery – Via Carlo Farini, 32

Nello scenario delle giovani gallerie d’arte contemporanea a Milano Brand New Gallery, fondata nel 2010, si è ricavata un ruolo di primo piano. Sarà per l’assidua presenza a fiere internazionali (anche oltreoceano) o per la  variegata ed interessantissima scuderia di artisti. Sarà per il ruolo stesso della galleria che oltre ad attività commerciale sta guadagnando la fama di vero e proprio centro promozionale e punto d’incontro tra collezionisti, curatori ed artisti. Comunque sia, a Milano Brand New Gallery è una giovane galleria assolutamente da seguire.

Wunderkammern Gallery – Via Ausonio, 1

Tavar Zawacki, Wunderkammern Gallery, Milano.

Se siete interessati alla scena urban nazionale ed internazionale, Wunderkammern Gallery è una tappa quasi obbligata a Milano. Dopo diversi anni di grande lavoro svolto a Roma, Wunderkammern apre nel 2014 la sua seconda sede nel capoluogo lombardo. Obiettivo: creare intorno ai propri artisti un ambiente stimolante per la sperimentazione, la discussione e lo sviluppo del proprio lavoro in stretta relazione con il pubblico.

Loom Gallery – Via Marsala, 7

Loom Gallery

“Loom” significa in inglese “telaio”, riferito alla struttura che sta dietro alla tela; allo stesso modo la galleria vuole essere una struttura che sostiene il lavoro dell’artista. Loom Gallery, nata nel 2015, si prefissa l’obiettivo di esporre, sostenere e promuovere artisti emergenti italiani ed internazionali. Di diventare un punto di riferimento milanese nella ricerca di nuovi talenti. Ecco la nostra intervista a Loom Gallery.

Immagine header Tavar Zawacki, Wunderkammern Gallery, Milano.