Dal 6 al 15 Ottobre 2017 Firenze ospiterà l’undicesima edizione della Florence Biennale. La Mostra Internazionale d’Arte Contemporanea da vent’ anni si propone come vetrina d’eccellenza per  la produzione artistica contemporanea mondiale.

Tra gli oltre 460 artisti provenienti da 72 Paesi nel mondo, di seguito si segnalano 5 artisti da tener d’occhio nel mercato dell’arte.

 

Tim Bengel (Germania, 1991)

Con più di mezzo milione di follower su Instagram e Facebook, il giovane Tim Bengel è l’artista tedesco più famoso della sua generazione. Reduce da una personale alla Guggenheim Gallery di New York, l’artista conosciuto a livello mondiale sta ottenendo apprezzamenti da New York ad Abu Dhabi e Hong Kong.  

 

Louise Giblin (UK, 1963)

Le sculture e i disegni di Louise Giblin sono esposti e venduti a livello internazionale. Allieva di Antony Gormley, uno dei più noti scultori contemporanei, la Giblin è stata scelta per rappresentare il Regno Unito all’Art Revolution di Taipei a Taiwan nel 2016 e nel G7 dell’arte in Italia nel 2017.

 

 Andrea Prandi (Italia, 1979)

Pittura, video arte e fotografia: Andrea Prandi dal 2011 ha partecipato a diverse mostre in Italia e all’estero. Ha esposto alla 57° Biennale di Venezia nel Padiglione Nazionale del Guatemala e ha attualmente in cantiere un progetto per la Pall Mall Gallery di Londra in concomitanza con il Frieze London 2017.

 Dante Dentoni (Argentina, 1974)

La stampa  internazionale ne parla e i suoi capolavori attirano l’attenzione dei collezionisti di tutto il mondo. Dante Dentoni, visual artist con sede a Miami, realizza lavori per spazi pubblici e privati, utilizzando i Lego. Può sembrare uno scherzo ma le sue giocose creazioni oggi giorno costano più di $ 12.000!

 Hua Qing (Cina, 1962)

Rappresentato da varie gallerie asiatiche, tra cui l’Asia Art Center di Pechino, le opere di Hua Qing sono presenti nelle aste più importanti del mondo.  Tra tutte ricordiamo Christie’s e la Kingsley Art Auction, in cui nel 2014 Classical Practicing 5 è stato venduto per $ 94.279.
Media